Offrire il dono di Borneo al Mondo...
Oggi è

Seleziona la lingua: English Chinese Italian

MALIAU BASIN

 

Il Maliau Basin era originariamente parte di concessione appartenente alla Yayasan Sabah (Fondazione Sabah), un'organizzazione costituita nel 1966 attraverso un decreto legislativo con lo scopo di migliorare il tenore di vita e l'educazione scolastica dei Malesi del Sabah grazie ai fondi ricavati dal taglio del legname e la coltivazione di olio di palma.

Per fortuna, nel 1981, lo Yayasan Sabah ha riconosciuto il valore ambientale del Maliau Basin ed ha deciso di trasformarlo in riserva protetta insieme a Danum Valley e Imbak Canyon, salvandolo così dalla deforestazione.

Grandi passi per proteggere il Maliau Basin sono stati fatti anche dal Governo del Sabah, che nel 1997, ha deciso di estendere la riserva protetta aggiungendo altri terreni che fungevano da zona cuscinetto per proteggere il cuore del bacino dalla deforestazione illegale e dalla caccia. Le dimensioni attuali dell'intera zona protetta sono di 588,4 kmq.

Il Maliau Basin diventa ancora più famoso due anni più tardi quando viene dichiarato patrimonio della Malesia. La gestione della zona di conservazione è effettuata dalla Yayasan Sabah per conto del Maliau Basin Management Commitee che comprende la partecipazione del Dipartimento Forestale, del Ministero del Turismo Cultura e Ambiente e dell'Università di Kota Kinabalu (UMS) e dai rappresentanti di altre agenzie, istituzioni accademiche, uffici distrettuali e ONG.


Collaborazioni Internazionali

Nel 1999 è iniziata un collaborazione internazionale con il DANIDA (Danish International Development Assistance) con la conseguente preparazione di un piano strategico per la gestione del Maliau Basin Conservation Area, e la creazione di un Centro Studi (Maliau Basin Studies Centre)che ha lo scopo di ricerca, conservazione, istruzione e base per l'eco-turismo.

Una generosa sponsorizzazione è arrivata anche dalla società svedese IKEA che ha finanziato i mezzi di trasporto, gli accampamenti,la costruzione del ponte sospeso "Sky Bridge" e una torretta di osservazione; anche la compagnia petrolifera SHELL ha sposorizzato la costruzione del Maliau Shell, il centro di accoglienza dei visitatori e centro informazioni.